POLINESIA Francese

imparare la lingua

IMPARARE LA LINGUA:

Italiani in POLINESIA, 3 Marzo, 2019

IA ORA NA a voi tutti che ci seguite, con grande entusiasmo proseguiamo cio’ che abbiamo cominciato, ossia DARVI TUTTE LE INFORMAZIONI NECESSARIE PER TRASFERIRSI E VIVERE IN POLINESIA.

Qual’e’ LA PRIMA COSA DI CUI AVRETE ASSOLUTAMENTE BISOGNO?
E’ giusto che sappiate che appena scenderete dall’aereo, tutti emozionati, vi guarderete attorno strabiliati, comincerete a fissare l’attenzione su tanti volti sorridenti che vi incanteranno e...VORRETE COMUNICARE, AVRETE ASSOLUTAMENTE BISOGNO DI COMUNICARE!

E sapete una cosa?

NON VE LA CAVERETE CON UN INGLESE SCOLASTICO! A meno che siete solo di passaggio e non vi importa istallarvi definitivamente... Ma se cosi’ non fosse vi raccontiamo volentieri la nostra esperienza.
Siamo “sbarcati” a Papeete senza sapere il francese, ragionando che avevamo tutto il tempo di impararlo ma, cosi’ non e’ stato! Infatti VI RACCOMANDIAMO DI ANDARE CON URGENZA ALL’UFFICIO IMMIGRAZIONE DI PAPEETE, dormiteci giusto su appena arrivati ma, se siete già sicuri che la Polinesia fa per voi, andate a richiedere i documenti necessari il prima possibile. Gia’ la prossima volta vi menzioneremo di quali documenti si tratta, li abbiamo conservati.
Non sapendo bene la lingua e non avendo a disposizione nessuna informazione accurata noi, purtroppo, ci siamo giocati l’opportunità di compilare e consegnare in tempo tutti documenti, che ci tornavano via posta piu’ volte perche’ non erano ben compilati o mancavano informazioni. Non SAPENDO BENE IL FRANCESE abbiamo perso almeno 1 mese di tempo.
Tenete inoltre conto che in un documento in particolare vi viene richiesto di specificare a che livello parlate questa lingua e senz’altro FA LA DIFFERENZA AL MOMENTO CHE DECIDERANNO DI RILASCIARVI I DOCUMENTI NECESSARI PER RESTARE.
Quella dei documenti non e’ l’unica ragione...
Non vi dico la fatica che si fa ad imparare a gran velocità già che, “teoricamente”, in tre mesi ce ne saremmo dovuti tornare da dove siamo venuti se non avessimo ottenuto I DOCUMENTI PER RESTARE!

Ora la legge del governo di Tahiti permette agli Italiani di fermarsi tutto il tempo che desiderano senze richiedere permessi, a meno che non dobbiate fare un cambio di residenza. Ma al tempo in cui siamo andati noi non era così.

Quindi?

DEDICATE SIN DA ORA UN PO’ DI TEMPO PER IMPARARE IL FRANCESE, in modo da avere una solida base quando arrivare E’ UN’IMPORTANTISSIMA SCORCIATOIA.
Come farete amicizia con le persone del posto vostri eventuali amici, clienti o soci? Come spiegherete loro che non siete semplici turisti ma state cercando una casetta in affitto tra i vostri vicini? Come potrese capire tutte le importanti comunicazioni che vi faranno i vari uffici locali se non sapete la lingua ufficiale?

Pero’...

La cosa piu’ importante e’ che SE VI VOLETE VERAMENTE CONQUISTARE I POLINESIANI sapendo già bene il francese VI DEDICHERETE CON CALMA A FARVI INSEGNARE DA LORO IL TAHITIANO, e con questo saranno vostri per sempre! Non c’e’ niente di più accativante di qualcuno che si adatta veramente alla loro cultura. Abbiamo conosciuto bambini francesi, che andando lì a scuola parlavano perfettamente il tahitiano e credeteci, non solo giocavano costantemente con i bambini del posto ma erano molto più inseriti dei loro genitori!

Quindi insistiamo con ORGANIZZATEVI BENE PRIMA!

Pensate ad una eventuale ATTIVITA’ LAVORATIVA qualcosa di semplice che tenga conto che là tutto è importato e quindi un ristorante italiano potrebbe avere degli approvvigionamenti costosi. Come vi abbiamo spiegato nell’articolo precedente, se avete intenzione di optare per un’isola non turistica, non serve molto... basta capire i gusti della popolazione locale anziche’ pensare ai turisti... Se preferite isole come Tahiti, Bora Bora e Moorea , SAPENDO BENE IL FRANCESE potete già dare una sbirciata nei tanti siti locali dove cedono attività e locali commerciali. Adesso con 300mila euro ci si puo’ comprare a Moorea una casa piu’ bungalow indipendente con spiaggia e molo privato + 2000 mq di giardino, ed il bungalow e’ gia’ affittato! Quindi se per ipotesi uno vende casa sua qui in Italia forse gia’ da solo o unendo le forze con un'altra famiglia o persona di fiducia, ci si puo’ costruire un’altra casa e altri bungalows... Ecco una pensione italiana a Moorea che dovutamente pubblicizzata farà faville! Ci si mette dentro 2 persone del posto ma forse ne basta una, per le pulizie e per la manutenzione e voilà! I francesi fanno cosi’ e hanno successo, c’è il passaparola con altri francesi e via...
Prendetevi il tempo sin d’ora di FARVI UN CORSO SERIO DI LINGUA FRANCESE ! Vi aprira’ le porte e velocizzera’ notevolmente la burocrazia da fare in loco.

Nana’